La realizzazione del centro commerciale “I Gigli” è il risultato di una serie di atti riguardanti l’area metropolitana Firenze – Prato – Pistoia, che vanno dallo Schema strutturale e Piano regionale integrato dei trasporti, all’accordo di programma tra Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Sesto per la via Mezzana Perfetti Ricasoli; dal PRG 1985 (variante generale al PRG 1971) del Comune di Campi Bisenzio, alla Variante nord produttiva; all’accordo di programma tra Regione Toscana, Comune di Campi Bisenzio, Comune di Firenze e Provincia di Firenze per il nuovo insediamento produttivo FIAT a Campi ed infine al Progetto d’insieme ed ai diversi piani particolareggiati[1].

La proposta nasce infatti nel 1991 all’interno dell’accordo di programma tra la Regione Toscana ed i comuni di Firenze e di Campi Bisenzio per il trasferimento del vecchio stabilimento FIAT di Novoli, ma già nel PRG del Comune di Campi del 1985, approvato nel 1988, veniva individuata nell’area agricola posta presso Capalle, non più coltivata e circondata dall’hinterland industriale tra Firenze e Sesto Fiorentino, la zona da destinare a grandi funzioni industriali, commerciali e direzionali. Tale ipotesi localizzativa aveva acquistato una maggiore concretezza nell’ambito dello Schema strutturale elaborato dalla Regione Toscana nel 1990, in cui l’area veniva classificata come Caposaldo 7 all’interno del Piano regionale, dando così il via al dibattito sulle funzioni e sulle architetture da realizzarvi.Insieme al confronto con la FIAT per lo spostamento dell’impianto di Novoli, vengono discussi nel 1991 la proposta del Centro P per la localizzazione di alcune attività produttive pregiate e la realizzazione di un centro commerciale integrato da costruirsi su terreni già di proprietà della famiglia Pecci di Prato la quale, affiancata dal gruppo PAM – insieme soci nella società Sileasud – si fa promotrice dell’iniziativa.Oltre alle molte problematiche che la proposta evidenziava, il progetto del centro commerciale incontrò notevoli resistenze, ragione per cui dal comune di Campi venne richiesto, come condizione imprescindibile, un intervento di alta qualità architettonica.Siglati gli accordi preliminari nel 1991, attivate tra il 1992 ed il 1993 la procedure di variante al PRG, adottati nel 1994 i piani particolareggiati, finalmente nel 1995 venne rilasciata la concessione edilizia per la costruzione del centro.

Rate us and Write a Review

Your Rating for this listing

angry
crying
sleeping
smily
cool
Browse

Your review is recommended to be at least 140 characters long

Your request has been submitted successfully.

Font Resize